• Ristorante Posta Vecia
Ristorante Posta Vecia

La Storia


La storia di Posta Vecia risale al XVI secolo: per essere stata locanda storica da così vecchia data, è stata insignita del prestigioso titolo di “Residenza D’Epoca”.
Nel 1500, la struttura svolgeva effettivamente le funzioni di posta lungo la strada “Postumia” fra Verona e Vicenza; intorno ad essa era cresciuta una piccola comunità, tanto che nelle costruzioni che la componevano era possibile trovare le botteghe artigianali del fabbro, del falegname e del sellaio. Naturalmente, non potevano mancare le stalle, i fienili ed i granai, per i quali lavoravano un piccolo gruppo di stallieri e contadini. All’interno, oltre il cortile, si ergeva la maestosa casa colonica con un ampio porticato per il parcheggio delle carrozze, magazzini per attrezzi e dispense di viveri.
Per la sua posizione strategica, la posta vide anni di grande attività: la famiglia Fiorini, che aveva ricevuto dalle autorità austriache la gestione di una stazione per il cambio dei cavalli e delle carrozze ancora prima della Rivoluzione francese, gestiva un servizio che arrivò ad avere una dotazione di quattro diligenze ed una trentina di cavalli.
Nel corso degli anni, passarono per la posta diverse personalità illustri: Napoleone e l’arciduca d’Austria Carlo vi transitarono durante le battaglie di Caldiero ed Arcole, e poi generali, principi e corrieri diplomatici austriaci e francesi. Nel 1821, soggiornò presso la Posta lo scrittore e patriota Silvio Pellico: controllato a vista dalla milizia, stava andando a Venezia, nel viaggio che l’avrebbe condotto al carcere dello Spielberg, in Boemia. Una lapide commemorativa del passaggio venne affissa dalla famiglia Fiorini nel 1866, in occasione dell’Unità d’Italia; distrutta durante la Seconda Guerra Mondiale, è stata recentemente ricostruita.
Con l’arrivo delle prime vaporiere, intorno al 1880, il servizio iniziò il suo declino, fino ad essere completamente sostituito dalla strada ferrata. Durante il primo conflitto mondiale, alcuni soldati appiccarono un incendio che distrusse porticato e magazzini; ad oggi, sono ancora visibili le colonne portanti del fabbricato, avvolte nell’edera. Delle botteghe artigianali cresciute lungo la strada statale non resta oggi che la facciata; nel 1970, gli antichi porticati sono diventati eleganti sale da pranzo, e la struttura è stata portata a nuova vita con la nascita del Ristorante Posta Vecia. La famiglia Fiorini-Baldo ha preservato in maniera fedele la struttura e le suppellettili.
Sono passati quasi cinquecento anni ma pare che qui il tempo si sia fermato...

Via Strà, 142, 37030 Colognola Ai Colli (Verona) Tel. +39 045 76.50.243 / 76 50 361 - Fax +39 045 61.50.859 - info@postavecia.com

credits | privacy